skip to Main Content

Ediltecnica Isolanti fornisce una vasta gamma di prodotti delle migliori marche per l’isolamento termico e acustico di ambienti civili ed industriali:

– FIBRA DI VETRO
– LANA DI ROCCIA
– POLISTIRENE ESPANSO
– POLISTIRENE ESTRUSO
– POLIURETANO ESPANSO
– POLIETILENE
– SUGHERO
– FIBRA DI LEGNO
– FIBRA DI GOMMA
– PRODOTTI CON ELEVATA MASSA O DENSITA’

Fibra di vetro

Perfetto isolante dal calore, efficace e performante nell’ attenuazione dei rumori.

  • Isolamento termico
    • Queste sue proprietà derivano dal fatto che si tratta di un materiale poroso. L’intreccio delle fibre di piccolo diametro costituisce una moltitudine di pori dove l’aria viene imprigionata.

    • Per confrontare le prestazioni termiche di due o più prodotti isolanti è sufficiente paragonare la loro conduttività termica λ: più è bassa meglio è! Il coefficiente di conduttività termica λ dell’aria immobilizzata nei pori ad una temperatura di 10°C è di 0,025 W/m·K.

    • La conduttività termica della lana di vetro può raggiungere il valore 0,031 W/m·K e si avvicina quindi a quella dell’aria.

    • La conduttività termica delle lana di vetro dipende:

  • dalla natura della lana
  • dalla massa volumica del prodotto (kg/m3)
  • dalla temperatura di utilizzo

I prodotti in lana di vetro non presentano tutte le medesime prestazioni termiche: il valore di conduttività termica può variare tra 0,045W/m·K, per quelle meno performanti, a 0,032 W/m·K per le più performanti.

    • La scelta è importante, indipendentemente dallo spessore: scegliere un isolante con il migliore λ può rappresentare il 20% di economia.

    • Isolamento acustico
    • L’intreccio delle fibre dei prodotti in lana di vetro conferisce oltre all’isolamento termico, anche un ottimo isolamento acustico.

    • Performanti, certificati, integrati nei sistemi d’isolamento, i prodotti in lana di vetro portano un grande comfort abitativo.

    La struttura porosa ed elastica permette di isolare dai rumori aerei, dai rumori da calpestio e di eseguire la correzione acustica all’interno dei locali.

Lana di roccia

Materiale che riesce a coniugare in sé cinque doti fondamentali.

  • Isolamento termico ed acustico
    • La presenza di un’infinità di celle nella struttura consente al prodotto di essere d’ostacolo al passaggio del caldo e del freddo e quindi di sviluppare una forte azione isolante; inoltre la struttura a celle aperte della lana di roccia favorisce l’assorbimento delle onde acustiche e permette di attenuare l’intensità e la propagazione del rumore.

 

  • Ottimo comportamento al fuoco
    • La lana di roccia è un materiale prettamente inorganico che fonde a temperature superiori ai 1000 °C. Non contribuisce pertanto né allo sviluppo ed alla propagazione dell’incendio, né all’emissione di gas tossici.

 

  • Stabilità all’umidità
    • La lana di roccia, per la sua particolare struttura, non assorbe né acqua né umidità, mantenendo pertanto inalterate le caratteristiche nel tempo.

 

  • Stabilità dimensionale
    • La lana di roccia mantiene le proprie caratteristiche inalterate nel tempo, non subisce variazioni dimensionali o prestazionali al mutare delle condizioni termiche e igrometriche dell’ambiente.

Polistirene espanso

Materiale versatile, di lunga durata, ideale per la realizzazione di cappotti esterni.

Conosciuto più comunemente con il nome di Polistirolo, è forse l’isolante più conosciuto ed anche quello più discusso per via di presunte “sublimazioni” (passaggio dallo stato solido a quello gassoso) del materiale.

Questa cattiva fama, che intendiamo subito smentire, è dovuta probabilmente all’impiego di prodotto di qualità scadente e di bassa densità per impieghi che invece avrebbero richiesto una densità più elevata. La realtà sul polistirene espanso è invece che, usato negli impieghi idonei e con la sicurezza di qualità garantita, rappresenta un materiale versatile, di durata illimitata e di costo contenuto.

Il polistirene espanso è un prodotto derivato dal petrolio e si ottiene con diversi procedimenti di lavorazione a partire dalla materia prima costituita dai granuli di polistirolo. Essi vengono fatti espandere a caldo formando delle perle le quali, gonfiandosi, si saldano le une alle altre, costituendo la classica struttura del materiale. Partendo sempre dallo stesso materiale base, i granuli, attraverso il procedimento di estrusione, viene prodotto un tipo di polistirene particolare, l’estruso appunto, che per le sue caratteristiche del tutto particolari verrà trattato a parte.

Il polistirene espanso può presentarsi commercialmente sotto forma di lastre tagliate da blocchi o lastre preformate, stampate con pellicola superficiale.

Le perle di polistirene sciolte sono impiegate anche come componente di calcestruzzi ed intonaci alleggeriti ed isolanti.

Il polistirene espanso può essere impiegato per quasi tutti i lavori di coibentazione. E’ particolarmente indicato per la realizzazione dei cappotti esterni dove risulta il materiale più idoneo e più diffuso. Da evitare soltanto gli isolamenti in condizioni non protette (raggi ultravioletti), di forte sollecitazione meccanica e di temperature elevate di lavoro.

La conduttività del polistirene espanso può variare notevolmente, oltre che con la densità, anche con il processo di produzione e quindi con la qualità. Per il polistirene espanso sinterizzato, in lastre ricavate da blocchi, la conduttività varia da 0,045 W/m K, per una densità pari a 15 kg/m3, a 0,039 W/m K per una densità pari a 35 kg/m3. Per il polistirene espanso in lastre stampate per termocompressione, la conduttività varia da 0,040 W/m K, per una densità pari a 20 kg/m3, a 0,039 W/m K per una densità pari a 30 kg/m3.

Polistirene estruso

Materiale con ottime proprietà di isolamento termico per tetti, pavimenti e pareti, cappotti esterni.

Viene ricavato dalla stessa materia prima impiegata per la produzione del polistirene espanso ma subisce un processo particolare di lavorazione, la estrusione, che gli conferisce caratteristiche decisamente interessanti e ne fa uno dei materiali isolanti di maggiore pregio qualitativo.

La massa del materiale, infatti risulta formata da minutissime celle perfettamente chiuse e non comunicanti che permettono alle lastre una eccellente tenuta all’acqua. Per contro, rispetto all’espanso, il polistirene estruso ha un costo decisamente più elevato.

Viene commercializzato essenzialmente in due versioni: con pelle superficiale di estrusione e senza pelle; il primo si comporta ancora meglio in presenza di acqua.

Il polistirene estruso è insostituibile in tutti gli impieghi in cui l’isolante è permanentemente o per lunga durata a contatto con acqua o umidità; in primo luogo, quindi, la soluzione dell’isolamento rovescio delle coperture piane, l’isolamento dall’esterno delle pareti controterra, ecc.

Naturalmente può essere impiegato vantaggiosamente anche per tutti quei lavori già citati per il polistirene espanso rispetto al quale ha però un costo decisamente più elevato. Per le due classi di conduttività diffuse, il 30 kg/m3 e il 50 kg/m3 la conduttività vale rispettivamente 0,041 e 0,034 W/m K. 

Poliuretano espanso

Materiale dall’elevatissimo potere coibente.

E’ uno dei materiali isolanti più noti per via del suo elevato potere coibente. Il materiale viene prodotto mediante iniezione di componenti a rapida espansione fra i vari rivestimenti (carta bitumata, velovetro, ecc.) adatti all’impiego finale dell’isolante, fino a formare delle lastre piane di vario spessore. Il poliuretano può venire altresì messo in opera direttamente sul posto di applicazione con tecnica dello spruzzaggio. 

Il poliuretano è un ottimo isolante se usato correttamente per gli impieghi consigliati. Da evitare contatto ed esposizione ai raggi ultravioletti (luce) e all’acqua. Sono consigliati quindi tutti gli impieghi in cui l’isolante risulta protetto, come gli isolamenti di murature a doppia fodera, gli isolamenti di pavimenti e di solette, le coibentazioni di solai sotto una impermeabilizzazione a prova di qualsiasi infiltrazione e di formazione di condensa.

La conduttività termica delle lastre espanse in continuo è pari a circa 0,029 W/m K, con densità compresa tra 30 e 40 kg/m3.

Polietilene

Isolante acustico di nuova generazione per i rumori da impatto, realizzato per il comfort abitativo.

Prodotto a base di polimeri morbidi reticolati espansi con eccellenti caratteristiche meccaniche e di isolamento acustico e termico.

Principali caratteristiche:

– Flessibile ed elastico 
– Leggero e impermeabile 
– Elevata resistenza meccanica 
– Resistente a muffe e insetti 
– Imputrescibile 
– Di facile posa 
– Non contiene CFC 

Sughero

Materiale naturale dal basso peso specifico, durevole ed elegante.

Il sughero è un materiale naturale che si ricava dalla corteccia di apposite querce che vivono nel bacino del Mediterraneo: in Italia ve ne sono specialmente in Sardegna ed in Sicilia. E´ molto usato in edilizia per le sue qualità isolanti dovute al basso peso specifico. Viene, a tal proposito, venduto in lastre sottili pochi centimetri (uno, due, tre) e posto soprattutto nelle camere d´aria costruite nelle tamponature di edifici in cemento armato. 

Le principali peculiarità che lo contraddistinguono sono le seguenti: oltre ad essere di origine naturale non è attaccabile da insetti di qualunque genere, si mantiene inalterato nel tempo e presenta anche una elegante superficie da poter essere lasciata a vista.

Il sughero per l´edilizia viene quasi esclusivamente venduto in pannelli di circa cm.50 x 100 e dello spessore principalmente da due o tre centimetri. Questi sono composti da trucioli pressati e fatti con la corteccia meno pregiata (maschio) dell´albero, mentre quella più raffinata è utilizzata per costruire piastrelle da pavimento o altre applicazioni dove sia necessario il materiale compatto naturalmente. 

I pannelli di sughero possono essere posti in opera per isolare termicamente sia strutture verticali, come i muri esterni o quelli tra ambienti da insonorizzare, sia strutture orizzontali come i solai tra due piani o le mansarde ed i tetti. Non necessitano di particolari accortezze e non occorre incollarli alla parete. Quando devono essere lasciati a vista devono, invece, essere ben incollati per mantenerli nella loro posizione nel tempo. In questo caso vanno tagliati con seghe elettriche per evitare che si sfaldino ai bordi dopo aver preso le esatte misure delle parti da comporre. La superficie a vista, quando i pannelli non appaiano ben compatti, deve essere trattata come quella di un normale legno: è sufficiente passarvi alcune mani di impregnante. 

I pregi del sughero sono molteplici e non solo per l´uso di un materiale naturale, biodegradabile in caso di rimozione, per nulla tossico e riproducibile secondo un ciclo di una decina d´anni da parte delle querce da sughero, ma anche per le sue caratteristiche intrinseche. E´ leggero, isolante, impermeabile, ignifugo, respinge topi ed insetti, anche bruciando non sprigiona gas tossici ed è inattaccabile da funghi, batteri e tarli. Può essere riciclato e non inquina in nessun caso l´ambiente: né la nostra casa, né il territorio. 

Fibra di legno

Materiale naturale ecologico dalle elevate proprietà isolanti ed ottima protezione antincendio.

Pannelli in lana di legno mineralizzata ad alta temperatura con magnesite (conformi alla norma UNI 9714-M-A), per la soluzione contemporanea e definitiva dei problemi di protezione antincendio, acustica e termica.

La loro eco-biocompatibilità e le ottime proprietà isolanti termiche, acustiche ed antincendio li rendono particolarmente indicati per realizzazioni architettoniche nel rispetto delle normative e del benessere dell’uomo, tanto da essere classificati ai primi posti tra i materiali da costruzione e finitura nelle tabelle di compatibilità biologica.

Innovativi prodotti a base di granuli di gomma eccellenti nell’ isolamento acustico di pavimenti e pareti.

Prodotti con elevata massa o densità 

Barriere acustiche per bloccare il rumore (come piombo, EPDM, membrane ) in singolo strato o accoppiati a materiali fonoassorbenti.